Additive manufacturing

Additive manufacturing

L’additive manufacturing (AD) è una tecnica di realizzazione di oggetti attraverso un processo di apporto di materiale per passaggi successivi. Viene anche comunemente chiamata “stampa 3D” perché ricorda la stampa di un documento digitale. I materiali che si possono usare vanno dalla plastica, ai materiali metallici e ai materiali compositi.
La tecnologia di stampa 3D utilizza un raggio laser per sinterizzare polvere di materiale base. Il risultato del processo è una struttura solida, prodotta dalle informazioni di un modello software 3D. Il laser percorre la sezione trasversale del modello 3D fondendo la polvere nei punti prestabiliti. Le particelle di polvere metallica si uniscono, creando un’unica parte solida. La polvere che invece non viene colpita dal laser rimane tale e funge da supporto.
Le due tecniche oggi più diffuse sono: la SLS (Selective Laser Sintering) per la sinterizzazione di polveri plastiche e la SLM (Selective Laser Melting) o DMLS (Direct Metal Laser Sintering) per la fusione di polveri di metallo.
I principi della tecnica di Laser Sintering sono illustrati in questa infografica